[JUNE 2014] Quotes of the month.

Siamo praticamente a fine mese, quindi scrivo il post delle citazioni del mese. Citazioni da libri, film, serie tv, autori in generale, che riflettono questo mese per come l'ho vissuto o che in generale mi piacciono.
Non c'è un ordine preciso, sono messe in base a quando mi sovvenivano.
1. Dall'anime "Yugioh":
So che riesci a vederla, la strada della battaglia che si estende oltre l'orizzonte! E nonostante ciò intendi arrenderti? Se una divinità ostacola il tuo sentiero... non devi far altro che sconfiggerla!
2. Da "Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde:
There is always something infinitely mean about other people's tragedies. (in inglese mi piace di più)
3. Dalla canzone "Il grido" di Giorgio Gaber:
E voi che pretendete che tutto vi sia dovuto con la scusa infantile che nessuno mi ha mai capito, siete così velleitari come artisti improvvisati con quella finta libertà dei giovani viziati. E' un gran vuoto che vi avvilisce e che vi blocca, come se fosse un grido in cerca di una bocca.
4. Dal discorso di Michael Jackson ad Oxford nel 2001:
Ma se non puoi dire di essere amato, sei condannato a cercare qualcosa che riempia quel vuoto. Non importa quanti soldi fai o quanto sia famoso, ti sentirai comunque vuoto. Stai solo cercando amore incondizionato, vuoi solo essere accettato per quello che sei, ed è questo che ti è stato negato quando sei venuto al mondo.
5. Di Marguerite Yourcenar:
Si può essere felici senza mai smettere di essere tristi.
6. Di Oscar Wilde:
Il mondo è semplicemente diviso in due classi: coloro che credono all'incredibile, come il pubblico, e coloro che fanno cose incredibili.
7. Di Giacomo Leopardi:
Il passato, a ricordarsene, è più bello del presente, come il futuro a immaginarlo. Perché? Perché il solo presente ha la sua vera forma nella concezione umana; è la sola immagine del vero; e tutto il vero è brutto.
8. Di Italo Svevo:
Curioso come a questo mondo vi sia poca gente che si rassegni a perdite piccole; sono le grandi che inducono immediatamente alla grande rassegnazione.
9. Di Hermann Hesse:
Le lacrime sono lo sciogliersi del ghiaccio dell'anima. E a chi piange, tutti gli angeli sono vicini.
10. Da "How I met your mother":
You can't cling to the past. Because no matter how tightly you hold on, it's already gone. (in inglese è meglio)

Buona conclusione di questo mese che per me è iniziato malissimo, ma dopo è proceduto nel migliore dei modi!
Esme

Commenti