Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016

Infinito Leopardi

Immagine
Io mi chiamo, come sapete, Silvia, quindi è da una vita che sento parlare di questo Giacomo Leopardi. E' raro che dopo aver sentito il mio nome qualcuno non esordisca con "Rimembri ancor quel tempo della tua vita mortale", almeno con questo verso, altri più audaci vanno oltre. Versi che conoscono praticamente tutti e sanno di chi sono (a eccezione di Maurizio Merluzzo che, firmandomi una dedica, mi disse:"Ah Silvia, come quella della poesia di Foscolo!"). Mio padre prima di essere un preside insegnava lettere e mia madre, pur essendo di scienze, è appassionata di lettura, quindi ho sempre saputo chi lui fosse, senza mai però conoscere altre sue poesie, quantomeno da bambina. In terza media, studiai questo autore e, oltre a dover imparare A Silvia a memoria, dovetti anche leggere (senza aver tempo di studiare) L'infinito. E ricordo ancora adesso che sensazioni diede in me, all'età di appena 12 anni. E vorrei parlarne oggi, visto che il 14 giugno 1837 Leo…

SOTTOTESTO 3 - Nessun rimpianto

Immagine
Giugno si apre con una grafica nuova e anche con un nuovo capitolo di Sottotesto, la storia a puntate del blog. L'idea è costruire un avatar, che non rappresenta me o qualcuno in particolare, ma un personaggio che vive la sua vita come una qualsiasi persona, con le sue crisi e le sue problematiche. E' il "sottotesto" di questo personaggio e come quello teatrale, indica tutto ciò che egli a voce non esprime, ma che è la sua reale "intenzione".


SOTTOTESTO 3 - Nessun rimpianto
Non so che cosa darei pur di rivivere momenti che adesso sono andati via per sempre. Penso che la nostalgia sia il male più grande che esista a questo mondo. Non è come la rabbia o l’odio, è una cosa che divora molto più di tutto questo. Ti entra nelle vene, ti cancella, ti uccide, finché di te non resta che quel ricordo o quell'insieme di ricordi che sai solo rimpiangere.