[APRIL 2014] Quotes of the month.

Ciao a voi! Stanotte, niente poco di meno che quella di Pasqua, ho pensato di inaugurare una nuova tipologia di post appartenente alla sezione "Stage" altrimenti detta "non c'ho fantasia o voglia per recensioni ma voglio postare qualcosa". Si tratta di postare (ogni mese possibilmente, se ci riesco) dieci citazioni da canzoni, libri, aforismi di autori, che in questo mese rappresentano me o la mia vita o semplicemente che mi piacciono. Penso sia un bel modo per diffondere alcune massime della musica e della letteratura. Quindi... cominciamo! Ah, non sono per niente in ordine di preferenza, ma l'ordine dipende da quando mi sovvenivano, ecco XD.
1. Dal libro "De Profundis" di Oscar Wilde:
Il dolore è la suprema emozione di cui l'uomo è capace.
2. Di Luna Del Grande:
La mia "follia" è la mia salvezza. Sorrido, sogno e non mi arrendo, perché ad essere "normale" ho rinunciato da tempo.
3. Di Charles Bukowski:
Per me scrivere è tirare fuori la morte dal taschino, scagliarla contro il muro e riprenderla al volo.
4. Di Oscar Wilde:
If you wish to understand others you must intensify your own individualism. (in lingua originale rende di più)
5. Dall'Odissea di Omero:
Di lì navigammo ancora, col cuore dolente. E arrivammo alla terra dei Ciclopi superbi e senza legge, i quali, fidando negli dei immortali, non piantano, non arano mai: nasce tutto senza semina e senza aratura, il grano, l'orzo e le viti che fioriscono di grappoli sotto la pioggia di Zeus.
6. Dal film "La leggenda del pianista sull'oceano" a sua volta tratto da "Novecento" di A. Baricco:
Ma se io salgo su quella scaletta, e davanti a me si srotola una tastiera di milioni di tasti, milioni e miliardi di tasti, che non finiscono mai, e questa è la verità, che non finiscono mai... Quella tastiera è infinita. Ma se quella tastiera è infinita allora su quella tastiera non c'è musica che puoi suonare.
7. Di Pascal:
Tutta la nostra dignità consiste dunque nel pensiero. E' con questo che dobbiamo nobilitarci e non già con lo spazio e con il tempo che non potremmo riempire. Studiamoci dunque di pensar bene: questo è il principio della morale.
8. Di Ian Somerhalder:
Set your intention and make this the best day ever. Do it! It's the only way. (anche questa rende meglio in originale)
9. Di Michael Jackson:
Non ero così, non lo ero affatto. Avevo "l'abitudine" di fidarmi sin da subito delle persone. Perché io partivo dal presupposto che, se fai del bene devi ricevere altrettanto bene. Ma mi sbagliavo. Mi sbagliavo alla grande. Il mio lato buono, disponibile, dolce, è stato la mia condanna. Le stesse persone alle quali l'ho mostrato lo hanno usato per farmi male. Mi si è rivoltato contro. Oggi sono così, acido, freddo, scostante e a tratti anche strafottente. Dalle persone mi aspetto solo il peggio. Preferisco pensar male e magari sbagliarmi, che vedere del buono in tutti e rimanere deluso. E credetemi, sarei disposto a dare ancora il meglio di me, se non fosse per il fatto che è stato distrutto.
10. Di Alain Touraine:
Siamo tutti soli come attori in un teatro vuoto.

Buona Pasqua a tutti voi! :3
Esme

Commenti