Biancaneve e il cacciatore

Mi cimento a recensire un film di cui si parla tantissimo già da molto tempo e che ho visto al cinema ieri sera, Biancaneve e il cacciatore. Si tratta di una versione dark fantasy della fiaba originale.
Il film si apre con la narrazione della storia, proprio con le parole "C'era una volta". Biancaneve, interpretata da Kristen Stewart è la figlia della regina Eleonor e del re Magnus, ma purtroppo la regina viene a mancare. Dopo qualche tempo, il re si innamora perdutamente di Ravenna, interpretata da Charlize Theron, strappata dai genitori alla nascita a causa di un re malvagio e che può contare solo su suo fratello. Così, uccide il padre di Biancaneve, rinchiude la ragazza nella torre e si impadronisce di tutto il regno. Il migliore amico della principessa, William, cerca di aiutarla, ma essendo solo un bambino, purtroppo, non riesce a salvarla. La regina Ravenna grazie ad un incantesimo è potentissima e bellissima, per sempre giovane, ma per mantenere questo potere deve sempre succhiare la giovinezza alle donne del regno, in seguito però scopre attraverso il suo specchio che le serve il cuore di Biancaneve per poter ottenere l'immortalità, così chiede al fratello di prenderla dalla torre nord, dov'è rinchiusa e di portarla da lei. Il fratello, però, fallisce, così Biancaneve fugge e finisce nella foresta oscura. Per riprenderla, la regina chiama un cacciatore, interpretato da Chris Hemsworth, che conosce bene la foresta oscura e che quindi può ritrovarla. Inizialmente questo si rifiuta, ma poi accetta in seguito alla ricompensa promessagli dalla regina: sua moglie è morta e Ravenna gli promette di farla tornare in vita.
Ovviamente la promessa si rivela falsa, non appena lo scopre il cacciatore, pur avendo ritrovato Biancaneve, decide di non consegnarla alla regina. I due si ritrovano quindi insieme nella foresta oscura. Apparentemente il cacciatore sembra schivo, sgarbato ed anche un po' rozzo, ma dopo aver capito chi è Biancaneve ed aver visto con quanta forza e determinazione combatte, anche grazie ai sette nani ed in particolare al più saggio e cieco fra questi, decide di aiutarla e col passare del tempo finisce per innamorarsene, anche perché gli ricorda sua moglie. Questi sentimenti emergono soprattutto dopo la morte di Biancaneve, a causa della mela avvelenata di Ravenna, nonostante il bacio di William che ha da poco ritrovato, infatti, la principessa muore. Sarà il bacio del cacciatore a salvarla. Una volta ritornata in vita, con l'aiuto dei nani (che poi diventano 6 in seguito alla morte di uno di questi) e dell'esercito del padre di William, si dirige verso il castello della regina decisa ad ucciderla. Ci riesce e viene incoronata regina.
Non c'è nessuna scena propriamente romantica fra Biancaneve e il cacciatore, che veda un vero e proprio bacio (uno in cui anche Biancaneve sia cosciente), ma si può evincere dai loro sguardi ed in particolare dall'ultima occhiata che si scambiano dopo che lei è stata incoronata.
Il film è senza dubbio molto originale, forse troppo. Sono una persona con una mentalità aperta ed in particolare adoro il dark, ma ritengo che sarebbe stato meglio evitare di soffermarsi su corvi ed effetti speciali, ma cercare di dare più scene e più logica a queste. Penso che la scena dei nani, che trovano il cacciatore e Biancaneve catturandoli e mettendoli a testa in giù, sia un po' scopiazzata dalla versione di Biancaneve con Julia Roberts, in cui il principe ed il suo servitore vengono catturati dai nani ed anche loro messi a testa in giù. Capisco perfettamente che la storia sia la stessa, però potevano evitare il dettaglio dei due prigionieri capovolti. Dal bacio fra Biancaneve e il cacciatore, che è riuscito a salvarla, è emerso che il "vero amore" della principessa sia lui, però io avrei preferito qualcosa alla fine.
Per quanto riguarda gli attori...chi mi conosce sa che la Stewart è nella mia lista nera, ma io non sono un tipo che non apprezza un attore o un cantante a pelle, o meglio, mi capita di non apprezzarli per pura impressione, ma quando e se è così lo ammetto. Io ritengo semplicemente che Kristen Stewart non sappia affatto recitare. Penso che la differenza fra lei e gli altri membri del cast, in particolare i protagonisti, si noti. Non la ritengo adatta per il ruolo, diciamo che come caratteristiche generali ci sta, come occhi, labbra e capelli, ma è l'insieme che per me non è per niente azzeccato. Biancaneve dev'essere bianca, sì, deve avere qualcosa di pallido, ma deve anche essere la salvezza, la luce, la purezza. Per me la Stewart non ci sta affatto con questo personaggio. ★★☆☆☆
Avrei preferito un'altra attrice, magari paragonabile a Charlize Theron sia come interpretazione che come fisico. Nei panni della regina, infatti, Theron è stata davvero eccezionale, il suo sguardo, le sue espressioni, mi hanno fatto venire i brividi. ★★★★★
Parlando invece di Chris Hemsworth, si può dire che abbia raggiunto la notorietà da molto poco, ma per quanto mi riguarda meriterebbe tutta la fama che ha sempre avuto la Stewart, non solo perché è fisicamente un bellissimo uomo e che senza dubbio ha un grande fascino, ma anche perché come cacciatore mi ha stupito non poco. Non ho avuto il piacere di vederlo nei panni di Thor (solo qualche scena, ma non ho visto The Avengers), ma per me in questo film è stato molto bravo. Senza dubbio il cacciatore è il vero personaggio affascinante di questa storia, nonostante anche William mi abbia colpito, il personaggio in toto del cacciatore è magnifico. Così burbero e rozzo all'apparenza, ma poi dolce, fragile, innamorato e sincero. ★★★★★
In conclusione, posso dire che gli effetti speciali di questo film sono molto belli, la colonna sonora, dei Florence + The Machine è stupenda e due fra gli attori protagonisti mi hanno piacevolmente colpito, ma è la trama che secondo me ha qualcosa che manca, mi aspettavo molto di più. ★★★☆☆

Biancaneve e il cacciatore, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti