Anime Sciarre by Matteo Setti

Ho deciso di fare un'altra recensione di un album, pensavo di postarla il 17 Agosto perché è il compleanno dell'artista del quale è quest'album, ma penso che riserverò qualcos'altro per questa data.
Quando, il 10 Agosto 2009, ho visto Notre Dame De Paris dal vivo per la prima e unica volta, nei panni di Gringoire c'era Matteo Setti, ed è stato proprio in quella giornata che ho acquistato il suo, allora nuovissimo album: Anime Sciarre, che vado a recensire.

Volano: ★★★★☆ Una splendida chitarra apre ed accompagna questa canzone, il testo è veramente bellissimo, mi ha colpito subito. La voce del Setti poi rende le parole anche più intense e significative. Non mi piace moltissimo il coro, nel senso che avrei preferito non continuasse per tutto il ritornello ma ad un certo punto si fermasse. Invece, mi piace la parte strumentale che c'è dopo il primo ritornello.
Luna: ★★★★★ Recensire questa canzone è difficilissimo per me, la sfida più grande di una valutazione è trovare le parole giuste e questo pezzo è per me indescrivibile. Il testo, la musica... è qualcosa di sublime in versione originale e Matteo è quello la cui voce e la cui interpretazione ha reso meglio la disperazione e lo smarrimento descritto nella canzone, immedensimandosi lui stesso (com'è giusto), infatti perfino nell'intervista del DVD di Notre Dame ha detto che si commuove ed emoziona soprattutto nel momento in cui la canzone dice:
Non vedi che Quasimodo è pazzo?
Non senti i tormenti e il pianto?
Un canto, che violento va lassù
Dove in cielo ci sei tu.
Luna!
Questa canzone, quindi, è meravigliosa, ovviamente è sempre motivo di "disagio" l'ascoltare un arrangiamento diverso dall'originale, ma devo dire obiettivamente che questa versione è molto bella, soprattutto il pianoforte.
Anime Sciarre: ★★★★☆ Chi mi conosce sa che non sono una fanatica della musica napoletana, ma ovviamente ci sono le eccezioni, questa è una di quelle. Tralasciando il "legame emotivo" che posso avere con questa canzone, visto che prima che cominciasse Notre Dame il 10 Agosto hanno messo proprio questa (che ascoltavo dalla prima volta), posso dire che già dal primo ascolto allora mi è parsa molto bella, soprattutto come ritmo in quanto non capivo molto le parole. Grazie al CD ho avuto modo di leggere la traduzione, e devo dire che oltre alla musica molto orecchiabile anche il testo non è male, è una bella canzone, poi la voce di Matteo è stupenda soprattutto al momento del ritornello, che è molto alto.
Idillio: ★★★★★ Eccoci che arriviamo alla mia canzone preferita dell'album. Penso che questo brano sia una vera e propria poesia. Il testo è meraviglioso, sia Matteo che Claudia D'Ottavi sono due artisti straordinari, a cui (insieme ad altri) sono e sarò sempre grata perché mi hanno fatto capire la vera essenza della musica, la vera importanza del teatro e mi hanno fatto toccare con mano le emozioni che può dare. Entrambe le voci di questi due grandi artisti si uniscono quindi in un vero e proprio idillio, appunto.
Il tempo delle cattedrali: ★★★★★ Un'altra canzone di Notre Dame De Paris che per me è meravigliosa. Devo dire che questa versione con il pianoforte mi piace molto, Matteo ha sempre cantato benissimo questa canzone e non si smentisce neanche in questo caso, davvero molto bella sia questa versione che la canzone in sè, che ha dato via all'inizio di uno splendido viaggio che Matteo ha intrapreso per 600 volte.
Un giudice: ★★★★☆ Ma se mi mettono De Andrè, non possono pretendere che io non voti almeno 4 stelle! La canzone è qualcosa di unico, come tutte quelle di Faber, ha un significato ed un testo stupendi, inizialmente quest'arrangiamento mi aveva un po' lasciato perplessa, perché è davvero completamente diverso, non c'è che dire, però poi ascoltandolo più volte mi è piaciuto ed anche tanto. Matteo è bravissimo e veder cantare uno dei miei artisti preferiti un brano di un altro artista che apprezzo è qualcosa di magico.
Nessun dorma: ★★★★☆ Penso che chiunque conosca questa canzone. E' senza dubbio meravigliosa e questa versione è molto bella. Perfino nelle parti più alte Matteo riesce davvero bene, la "voce violino" è sempre all'altezza della situazione, non c'è che dire.
Le porte di Parigi: ★★★★★ Questa canzone, sempre tratta da NDP, è bellissima di suo, come testo ed anche come musica nella versione originale, ma devo dire che questa versione tango mi è piaciuta tantissimo. Non dico nulla su Matteo perché rischio di ripetermi, ma non posso farci niente, soprattutto nelle canzoni di Notre Dame non mi sento di rimproverargli niente.
Madrigale: ★★★★★ In due parole? Pura poesia. Il pianoforte è meraviglioso, come tutta la musica, le parole sono toccanti e bellissime, la voce di Matteo è sublime. Ricordo di aver fatto un video con questa canzone a cui attribuivo le parole del ritornello proprio a Setti:
Ti conquisterà
Proprio il mare bagna le sue spiagge
Sì, poi ti chiamerà
Con silenzi assordanti
Che l'amore col suo canto
Farà
L'urlo: ★★★★★ Citerei ogni singola parola che viene detta in questo brano se potessi. Le parole sono meravigliose, la musica originale e la voce di Matteo è unica, anche nel parlato. Questo brano, che parte in maniera lenta e poi "esplode" con la batteria, ha davvero un significato stupendo.
Una delle mie frasi preferite è:
L'aria è diventata pesante a forza di sostenere l'impossible
Anime Sciarre (album): ★★★★☆ Questo album è uno dei pochi CD di cui dico: meno male che c'è l'ho in originale! Ne vado davvero molto fiera. E' bellissimo ed ha tutto ciò che per i miei gusti potrei desiderare: poesia e ritmo, alcune canzoni tratte dalle più belle opere e di un vero e proprio poeta che sarebbe Faber, insomma, un bellissimo album. E' uno dei CD che mi fa capire che esistono ancora artisti che non cercano il ritmo carino, ma che cercano e fanno l'arte, per puro amore dell'arte.

Anime Sciarre by Matteo Setti, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti

  1. Bellissima recensione!:) sono daccordo su quasi tutto quello che hai scritto...dico "quasi" perchè purtroppo non ho l'album,anche se alcuni brani tratti da esso,come appunto "Anime Sciarre" (e qui l'eccezione riguardo la musica napoletana vale anche per me xD) o "L'Urlo" le conosco e le trovo stupende ed originali,sopratutto quest'ultima,sembra davvero il poeta Pierre Gringoire!"Idillio" poi...beh noi ci siamo conosciute proprio grazie a questa canzone e ormai è strettamente legata (?)a questo quando l'ascolto,il testo non sono mai riuscita a capirlo appieno,so solo che l'adoro perchè è la colonna sonora della nostra amicizia,insomma :).Ho visto Matteo dal vivo il 21 agosto 2008 a Cattolica in Notre-Dame de Paris,veramente bravissimo,la mia telecamera era tutta per lui anche quando stava immobile sul palco senza cantare,come in "Bella" dove lui non canta,diciamo che all'epoca ero (eravamo,concedimelo ahahah) ossessionata/e da lui,ecco *diventarossa* e...anche la sera in cui sono andata io a vedere Notre-Dame c'era "Anime Sciarre" in sottofondo prima dello spettacolo,per cui ho un bel ricordo di questa canzone <3

    RispondiElimina

Posta un commento