Violator by Depeche Mode

I Depeche Mode stasera sono a Bologna, hanno fatto anche un concerto a Torino se non erro e a Milano, in ogni caso sono in Italia. Visto che sono masochista, li ascolto pensando a quanto sarebbe bello assistere ad un loro concerto. In particolare oggi vorrei recensire il mio loro album preferito, quello che me li hai fatti conoscere, ovvero Violator, pubblicato nel 1990.
World in my eyes: ★★★☆☆ [3.5/5] Mi piace la musica, forse un po' troppo elettronica in alcune parti, ma è comunque piacevole. Il testo è abbastanza banale, diciamo che è una bella canzone soprattutto per il ritmo che cattura e che è molto particolare.
Sweetest perfection: ★★★★☆ All'inizio dà una sensazione come di "pathos", direi che si potrebbe definire un climax ascendente. Prima un ritmo lento, con la voce bassa e inquietante a volte di Dave, poi va come "salendo" quasi come se stesse per esplodere, ma alla fine si "blocca" sulla stessa musica, una peculiarità della band del resto, sembra sempre che le canzoni stiano per cambiare ritmo ma continuano sulla stessa via. A metà di questo brano il ritmo cambia, con una parte strumentale che adoro. Il testo è abbastanza insignificante. Sicuramente difficile da interpretare, ma non così particolare.
Personal Jesus: ★★★★★ Si tratta della più famosa dei Depeche Mode, insieme a Enjoy the silence e direi che un motivo c'è. Il ritmo è veramente originale, fin dall'inizio colpisce per questa sua particolarità, nonostante il testo non mi faccia impazzire, è da riconoscere un'originalità anche nelle parole e comunque la canzone compensa tantissimo con la musica, veramente bella.
Halo: ★★★☆☆ Anche questa come Sweetest Perfection dà quasi la sensazione di un climax all'inizio e in effetti lo è. Il ritmo è molto interessante e non appena ha cominciato a sentirsi la voce di Dave già il brano risulta più interessante. Mi piace soprattutto il pianoforte che ogni tanto si sente ed anche il "coro" sotto Dave. Al di là della musica che, ripeto, è buona, mi ha conquistato il testo.
You wear guilt
Like shackles on your feet
Like a halo in reverse
I can feel
The discomfort in your seat
And in your head it's worse
Waiting for the night: ★★☆☆☆ [2.5/5] All'inizio la musica mi dà un po' fastidio sinceramente come suono, un fastidio fisico alle orecchie, ma quando inizia a cantare Dave smette (forse perché amo la sua voce?). Ad ogni modo, questa canzone è ottima per evadere dal resto, esprime il senso del testo anche attraverso la propria musica. A tal proposito le parole mi piacciono molto, se il ritmo fosse stato più vario avrei dato una valutazione più positiva.
I'm waiting for the night to fall
When everything is bearable
And there in the still
All that you feel is tranquillity
Enjoy the silence: ★★★★★♫ Recensire questa canzone è davvero difficile. Non solo perché sono legata "sentimentalmente" ad essa (un mucchio di miei ricordi hanno come colonna sonora questa canzone), ma anche perché l'ho praticamente consumata e quindi ho perso le parole. Sproloqui a parte, trovo che questa canzone sia un vero e proprio capolavoro. Non solo per la musica che già di per sé dà una grande emozione, così originale, così particolare, così bella, non ci sono altri aggettivi, bella. Ma anche il testo mi piace moltissimo, è di una grandissima profondità, per non parlare del video ufficiale che non dovrei valutare, ma che è meraviglioso e va riconosciuto. Alla fine quel "Enjoy the silence" fa venire i brividi in senso buono, mai tre parole hanno emozionato così tanto, per non parlare della musica finale. Aggiungo al solito la mia nota alle 5 stelle per indicare che c'è qualcosa di più.
Policy of Truth: ★★★★★ Fin dall'inizio il ritmo di questa canzone si apprezza per la sua originalità e perché è davvero molto piacevole, non si può fare a meno di muoversi ascoltando questo brano. In generale tutta la musica mi piace molto, ma apprezzo tantissimo anche il testo che esprime una tristissima verità.
Blue dress: ★★☆☆☆ Nel complesso questa canzone non mi piace molto, né come testo né come ritmo, anzi mi annoia sinceramente. Non ha niente di interessante.
Clean: ★★☆☆☆ Il testo mi piace veramente tanto, diciamo che la musica non è noiosa perché ha qualche parte molto bella, ma a tratti è insignificante. Adoro quella sorta di pausa improvvisa che si fa fra una strofa e l'altra. E poi bisogna dire che la voce di Dave è bellissima.
Violator (album): ★★★★★ Veramente un bellissimo album, tra i miei preferiti in generale e, come detto, il preferito della band. Il pregio dei Depeche Mode è che hanno testi stupendi, cosa che perfino alcuni miei amici che non li apprezzano riconoscono, ogni testo ha qualcosa per cui vale la pena almeno leggere la traduzione. Poi ci sono canzoni che fanno sposare a splendide parole una musica originalissima, ci sono capolavori come Enjoy the silence che uniscono all'espressione delle parole la grande intensità della melodia. Insomma, un lavoro splendido, che consiglio a tutti veramente.

Violator by Depeche Mode, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti