The Vampire Diaries 5x11: 500 YEARS OF SOLITUDE

Con il nuovo anno tornano anche le mie recensioni su The Vampire Diaries. Ma oggi non parlo di un episodio qualunque, bensì del centesimo episodio di questo magnifico telefilm, la 5x11.
ATTENZIONE SPOILER. Chiunque non avesse visto la 5x11, non vada oltre.
Stefan: Voglio cominciare con l'esprimere la mia felicità nel notare un leggero miglioramento in questo personaggio. Molti pensano che io non sia obiettiva, che preferendo Damon escluda Stefan, ma non è così. Se negli ultimi tempi ho criticato questo personaggio non l'ho fatto perché preferisco Damon (anche se per me non ci sarà mai paragone, Stefan è troppo passivo ed insignificante), ma perché non vedevo cose che mi piacevano. Sicuramente in questo episodio non ho condiviso l'eccessiva pietà nei confronti di Katherine, non solo perché è logicamente fuori luogo, ma anche perché non è in linea con tutto ciò che di Katherine Stefan ha sempre pensato. D'accordo, hanno avuto un loro momento (stupidissimo ed insignificante anch'esso), ma questo non significa tutto questo cambiamento generale. Conosceva la storia di Katherine anche prima, è proprio vero ciò che dice Lennon è cioè che tutti amano quando sei metri sottoterra, anche se in questo caso lei stava solo per morire. In ogni caso, mi ha fatto piacere vederlo superiore, per una volta, a quella personalità finto-seria e moralistica infantile che mi ha sempre fatto odiare la sua psicologia. Si è dimostrato un bravo fratello ed un bravo ex, ma badate bene non perché non abbia fatto "casino" o perché voglio che non gli dia fastidio nulla, anzi, ma è una questione di modo di esprimersi. Nella scorsa stagione hanno disintegrato il Defan a causa del suo comportamento, adesso è stato un po' ripristinato.
Caroline: A proposito di personaggi distrutti. Caroline dalla seconda stagione era il mio secondo personaggio preferito, adesso con la scena con Elena, con il suo essere un'amica pessima ed i discorsi fuori luogo sta diventando odiosa. Il tuo amico è sepolto e tu pensi a Bonnie e Jeremy? Sei fusa e basta. Inoltre, trovo tutto il suo odio su Damon veramente spropositato e senza senso, alla fine non è che proprio a lei abbia fatto chissà cosa e sicuramente è l'ultima persona che dovrebbe giudicare. Inoltre, stanno esagerando la cosa solamente di recente, non è che fosse sempre stata così intollerante, non capisco perché le stanno aggiungendo o meglio aumentando questa caratteristica, non giova molto alla sua "storia", a prescindere dal fatto che una apprezzi Damon o meno. Riguardo alla scena Klaroline, io li adoro insieme ma l'ho trovata forzata, fatta troppo velocemente e solo per incasinare un po' il Forwood così da darci pane per i denti. Diciamo, però, che l'interpretazione di Joseph Morgan ha compensato un po' tutto.
Katherine: Piccola frase per introdurre: ma chi se ne frega di lei? Scusatemi, ma è così. Premettendo che è il personaggio peggiore mai creato in un telefilm (e ne ho seguiti tanti) e questo dovrebbe anche farvi capire che non è Stefan il personaggio che odio di più, non penso affatto fosse necessario tutto questo vittimismo. Sono d'accordo che hai sofferto e che hai delle giustificazioni, ma non prendiamoci in giro, Katherine non era tutta questa correttezza neanche prima. Pronto? Ha avuto un figlio illegittimo perché si girava tutta la città, non perché era innamorata, ecc. Quindi okay, ha sofferto e mi dispiace, ma non si può giustificare tutto. E voi mi direte "Ma Damon allora? E' il tuo personaggio preferito ed è stato cattivo perché ha sofferto", io vi rispondo che il paragone è stupidissimo. Perché Damon non ha una psicologia semplice quanto quella di Katherine. Katherine = mi hanno fatto soffrire, sono stata privata di mia figlia, ergo lotterò per sempre per avere ciò che mi merito, anche a costo di perdere la mia umanità, la voglia di sopravvivere mi consuma. Damon = ho amato ed ho sofferto tantissimo, l'unico modo per me di non soffrire è lasciarmi andare facendo ciò che chi ho amato mi ha insegnato ovvero uccidere, non vorrei mai perdere la mia umanità ma è successo, eppure sono disposto a fare il possibile per le persone che amo, l'amore mi consuma.
Tornando a Katherine singolarmente, ciò che ha fatto era prevedibilissimo, mi dispiace solo che puntino sempre su quell'accidente di discorso di Elena-Katherine. Ci sono così tante storylines da sviluppare! Perché non darci un nuovo nemico che ci manca da quando è morto Silas? Aggiungerei, poi, che il personaggio di Nadia mi ispira solo indifferenza, devono caratterizzarlo meglio, è insignificante ed inutile.
Elena: Troppo da superiore il discorso fatto a Katherine, ma ce lo aspettavamo tutti. Ho trovato fastidioso il fatto che si fosse arresa subito con Damon all'inizio, ma so com'è questo personaggio ormai, poco deciso e a volte troppo deciso su cose sbagliate.
Damon: Uno dei migliori, sicuramente. Ho amato le scene con Katherine, facevo letteralmente il tifo per lui. E' stato divertente, sarcastico, il buon caro vecchio Damon. Ho apprezzato anche la scena con Stefan.
The Vampire Diaries 5x11: 500 YEARS OF SOLITUDE: ★★★★☆ [4.5/5] Una bellissima puntata. Mi ha tenuto con il fiato sospeso fino alla fine nonostante avessi dedotto quello che stava succedendo. La comparsa dei vari personaggi alcune volte era forzata (ad esempio il discorso di Bonnie), altre geniale (come le scene con Damon e Katherine). Vedere Alaric è stata una grande emozione, soprattutto quando ha parlato di Damon. Anche la bevuta ricordando le malefatte di Katherine mi è piaciuta. Diciamo che non sono mancate le risate, ma neanche l'adrenalina ed i bei vecchi sentimenti. Le uniche scene che non ho apprezzato sono state quelle del passato di Katherine, tranne quelle violate da Damon, che ancora una volta mi ha fatto un grande favore.
Ci tengo a specificare che tutte le opinioni espresse qui sono soggettive e che quindi non voglio critiche che attacchino il mio pensiero o la mia persona, ognuno ha un'opinione ed un team, è questo il bello. Grazie.

The Vampire Diaries 5x11: 500 YEARS OF SOLITUDE, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti