The Unforgiving by Within Temptation

Visto che nell'ultima recensione mi sono dedicata a recensire un album degli Epica, ho pensato di recensirne anche uno della mia band gothic/symphonic metal preferita: i Within Temptation ed il loro ultimo album, The Unforgiving.
The Unforgiving è un concept album ispirato ai comics di Steven O’Connell, l'intero album racconta quindi la storia di Mother Maiden, la protagonista del fumetto, che recluta anime perdute in cerca di salvezza con ognuna una colpa diversa, per combattere il male. Essendo una che apprezza moltissimo i video musicali originali, non quelli banali che si vedono ora, ma veri e propri video che raccontano una storia (non per niente sono fan di Michael Jackson, ogni suo video è infatti un "mini-film"), perciò ho apprezzato maggiormente questo album, inoltre ritengo che l'idea sia molto originale e soprattutto realizzata bene. Passiamo ora a recensire le canzoni.
Why not me: ★★★★★ Questa prima canzone dà un inizio inquietante e molto originale all'album. La voce narrante fa venire i brividi, i violini sono davvero suggestivi, riesce a rendere tutto più reale ed emozionante in pochissimi secondi. Aprirà poi la scena ad una nuova, interessante ed originale canzone, che sarà come uno sparo nel buio.
Shot in the dark: ★★★★★ Si chiama "Sparo nel buio", appunto. Ritengo questa canzone una delle migliori dell'album. Il testo è originale e le parole sono toccanti, il ritmo è davvero stupendo. La canzone già dall'inizio fa venire i brividi, è stupenda. Qui potete trovare un video con traduzione, un utente di youtube ha commentato così: "Mi entra nell'anima..e mi squote nel profondo!", non posso che essere d'accordo, penso sia l'unico modo di definire tutto l'album ed in particolare questa canzone. Batteria, chitarra elettrica, e quella sorta di "coro" di sottofondo rendono tutto più bello, la voce angelica di Sharon Den Adel riesce ad aggiungere un nonsoché di dolce e selvaggio allo stesso tempo. Una cosa che adoro particolare è la parte in cui Sharon quasi bisbiglia.. è davvero toccante e fa percepire la lontananza e nostalgia di quella persona, lei dice "Ti sento svanire", e già dal ritmo e dalla sua voce si percepisce poi la sensazione di distacco, questo "svanire", l'assolo che segue è veramente splendido. Canzone magnifica.
In the middle of the night: ★★★★☆ Stupenda la chitarra iniziale e ciò che la segue, un inizio pieno di energia così come tutta la canzone che è davvero metal puro. La canzone riesce molto piacevole per gli amanti del genere, dà carica ed è anche molto bella come significato. Il testo è originale e molto gothic senza dubbio, la batteria unita al violino riesce stupenda. Una canzone nel complesso molto bella, ma che non colpisce come altre dell'album.
Faster: ★★★★★ Questa canzone un po' come Shot in the dark è una delle migliori dell'album a mio parere. Ha un ritmo originale, anche solo la chitarra riesce stupenda, anche qui l'assolo è molto bello, mi piace tantissimo, specialmente perché lo segue il ritornello che riesce molto delicato e selvaggio allo stesso tempo, anche in questo caso, sì. Penso che questa canzone sia davvero bellissima, anche in versione acustica che non è presente nell'album, ma l'ho vista in un live su youtube.
Fire and ice: ★★★★☆ E' davvero bellissima e molto delicata. L'inizio molto lento, poi il pianoforte, la voce di Sharon, questa canzone mi fa davvero venire i brividi. Adoro il ritornello:
And I still wonder
Why our heaven has died
The skies are all falling
I’m breathing but why?
In silence I hold on
To you and I
E mi chiedo ancora
Perché il nostro paradiso è morto
Tutti i cieli stanno crollando
Io respiro, ma perché?
Nel silenzio mi tengo stretta
A noi due
Nella seconda strofa la canzone si fa più movimentata, una temperatura che va salendo man mano e che diventa altissima poco prima del ritornello, stavolta più ritmato. Davvero meravigliosa la conclusione, uguale all'inizio, una ripetizione della prima frase accompagnata dal pianoforte iniziale:
Every word you’re saying is a lie
Cioè ogni parola che dici è una bugia.
Ho votato 4 stelle solo perché il ritmo generale della canzone non rende giustizia allo splendido significato.
Iron: ★★★★★ E per chi piuttosto che cose delicate come la canzone precedente ama il metal duro, questa canzone è l'ideale. La chitarra iniziale dà una carica pazzesca, è qualcosa di magnifico. Le parole a mio parere sono stupende e tutta la canzone è una scarica di adrenalina assurda, anche l'assolo è molto bello. Tutta la canzone è appunto una sorta di incoraggiamento, una carica che ti arriva dritta al cuore, sia con il ritmo che con le parole:
You can't live without the fire
It's the heat that makes you strong
Cause you're born to live
And fight it all the way
You can hide what lies inside you
It's the only thing you know
You're embracing that
Never walk away
Non puoi vivere senza il fuoco
E' il calore che ti rende forte
Perché sei nata per vivere
E per combattere costantemente
Puoi nascondere quello che giace dentro di te
E' l'unica cosa che conosci
Lo stai accettando
Non andartene mai
Ah, è anche molto interessante la parte narrante, splendide parole, un momento molto intenso.
Where is the edge: ★★★★☆ Molto dolce e intenso inizio con "Ooooh.." seguito poi da carica pura, con la chitarra elettrica che accompagna la voce di Sharon. Ancora una volta una canzone di smarrimento in questo album, ma vista la storia a cui è ispirato non può essere altrimenti. Questa canzone riesce emozionante e coinvolgente, nonostante il ritmo non mi piaccia molto.
Sinéad: ★★★★★ Questa canzone seppur molto delicata riesce anch'essa piena di grinta, il ritmo è originale e le parole, penso che anche questa sia una delle migliori. Anche questa descrive smarrimento, ricerca, sangue, amore ed odio, infatti dice: "Are you looking for savior, chasing a dream, but love turned to hate?" cioè: Stai cercando un salvatore, inseguendo un sogno, ma l'amore è diventato odio?". Anche questa canzone è molto intensa e mi piace anche come ritmo.
Lost: ★★★★★ E' stata la prima canzone di quest'album che ho sentito, mi ha subito colpita. L'arpeggio iniziale è bellissimo, le parole molto significative, anche perché mi sono sentita sposso anche io nel modo in cui descrive la canzone. Il testo descrive un qualcosa che non si può raggiungere, che è persa nell'oscurità, così come la speranza che ormai è in fiamme, perciò visto che quella cosa non si trova, ci si sente sepolti vivi, con il cuore congelato. Intensa, toccante e dal ritmo interessante ed originale. Bellissima canzone.
Murder: ★★★★☆ Definirla inquietante sarebbe eufemistico, ma essendo una fan del gothic e di cose del genere, non posso che amare questa canzone. Il ritmo è originale e la voce di Sharon quasi amplificata dà una sensazione di inquietudine ma anche di grinta, che poi si evolve in un vero e proprio peccaminoso piacere nell'ascoltare questa canzone, che nel ritornello diventa molto più movimentata. Devo dire che questo ritmo del ritornello non mi fa impazzire, perciò ho votato 4 stelle.
A Demon's Fate: ★★★★★ Se quella di priva era inquietante questa, beh la batte. Perdonatemi l'imprecazione, ma: Porca Miseria! E' energia pura! Questa canzone mi piace da morire, è una carica assurda. Anche le parole sono stupende, penso che anche questa rientri tra le migliori. Ancora una volta in una canzone i miei amati WT parlano di Angeli, come nella prima canzone che ho conosciuto, "Angels", appunto. Penso che questa sia più ricca di energia, meno originale magari, ma davvero bella.
Stairway to the skies: ★★★★★ Dunque, mi è sorto spontaneo pensare a Stairway to heaven ascoltando questa canzone, sono convinta che un po' si siano ispirati alla canzone dei Led Zeppelin, ma non ci vedo nulla di male. Il ritmo è originale, le parole toccanti, la canzone è una delle mie preferite dell'album, sarà anche l'ultima, ma è una delle più belle, mi piace tantissimo.
The Unforgiving: ★★★★★ Per concludere, nel complesso l'album è molto bello. Un insieme di racconti di smarrimento, odio, amore, ricerca.. davvero toccante e molto originale. I Within Temptation hanno fatto un grande ritorno, non si smentiscono mai, riescono ad essere pochissime volte banali se non mai e mai commerciali.

The Unforgiving by Within Temptation, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti

  1. Alla faccia di chi dice che siano un gruppo commerciale!!:D ...l'avevo letto da qualche parte su yahoo.Ma per favore,questi geniacci sono veramente originali,a cominciare dalla presenza scenica di Sharon den Adel,con quei suoi gesti che fa con le mani...è come se ti facessero entrare in un altro mondo,cosa che mi suscitano un pò tutte le canzoni gothic,ma in particolare le loro.Il mio brano preferito in assoluto di quest'album è "Iron",mi dà una carica pazzesca,è stupenda...proprio metal duro,quello che aiuta a scaricarti quando sei arrabbiato,o magari anche giù di morale...è andrenalina.Altri due brani che preferisco,anche se scegliere è difficile,sono Lost,che è stata la prima che ho ascoltato (anzi,l'ho ascoltata grazie a te,geme xD) che è quella che si distingue maggiormente dalle altre,per via dell'arpeggio iniziale che fa pensare che si tratti di una canzone,sì malinconica,ma anche molto lenta,mentre poi man mano tende a prendere ritmo,anche se leggero.Un altro brano,e questo sinceramente sono riuscita ad apprezzarlo dopo l'uscita del video ufficiale,anche se mi ci è voluto tempo,non saprei dire il motivo.Come canzone è probabilmente la più misteriosa,già dalle prime note,fa pensare ad un'atmosfera cupa,come se fosse successo qualcosa...poi pian piano comincia a sentirsi il pianoforte,che dà un'aria più dolce,leggera,ma pur sempre malinconica,fino a diventare un crescendo insieme a tutti gli altri strumenti e,ovviamente,l'angelica voce di Sharon.
    Riguardo alla recensione,mi è piaciuta molto ^^ anche se avrei aggiunto il testo di "Why Not Me",le parole sono stupende :)

    RispondiElimina
  2. Non aggiungo i testi di tutte le canzoni ovviamente, essendo una recensione puramente soggettiva inserisco solo alcune parti di quelle che preferisco ;D

    RispondiElimina

Posta un commento