Thriller by Michael Jackson

E' per me una cosa non poco impegnativa recensire un album come questo. Non solo perché è il mio album preferito, ma anche perché obiettivamente si tratta di qualcosa di unico, particolare, singolare, difficile da recensire proprio per questa sua unicità e specificità che lo rende per me straordinario e che, del resto, per tutto il mondo è l'album più venduto della storia della musica. Oggi, però, che è il quarto anniversario della scomparsa fisica di Michael Jackson, non potevo astenermi dal dedicargli un post speciale qui sul blog. Posso dire che è stata la recensione più difficile che ho fatto finora, ma anche quella più emozionante.
Wanna Be Startin' Somethin': ★★★★☆ Ho sempre visto bene questa canzone piuttosto che in questo album all'interno di Off The Wall, che ho già recensito, del resto era stata composta proprio per quest'album (cosa di cui sono venuta a conoscenza prima di avere questo pensiero riguardo la canzone); penso che questa mia opinione sia dovuta al fatto che mi sembra molto più adatta allo stile ed all'andamento che ha Off The Wall. In ogni caso, devo recensire le canzoni una ad una e poi l'album per intero, quindi parlando di questa canzone al di fuori dell'album stesso posso dire che ha un ritmo originale, come tutte le canzoni di Michael Jackson del resto, che prende molto, tanto che è difficile rimanere fermi mentre la si ascolta, originalissima soprattutto la fine (che non è un plagio di Rihanna, capre!!). Questa musica così particolare sopperisce ad un testo che personalmente non mi piace molto, privo di profondità, ma comunque viene fuori una bella canzone. Mi sento in dovere di far notare, però, che versione CD questo brano non è bello quanto in versione live, dove davvero mi fa impazzire, ad esempio per la versione di questa canzone nel Live in Bucharest del '92 voterei 5 stelle senza battere ciglio.
Baby Be Mine: ★★★★★ Personalmente adoro questa canzone, perché presenta tutto ciò che per me un bel brano dovrebbe avere: ha un ritmo originale, su cui è piacevolissimo ballare ma che non risulta mai monotono o banale, cosa che è data soprattutto dal basso che adoro in questo brano, poi un testo che comunque è nello stile di Michael Jackson e che non è ripetitivo o "banalotto" come altri testi che seguono questa scia. Ogni volta che ascolto questa canzone è come se visualizzassi Michael che la balla, tanto ne è "potente" l'effetto.
The Girl Is Mine: ★★★★☆ (4.5/5) Penso davvero che i duetti fra Paul e Michael siano una delle cose più belle del mondo musicale, veramente. Loro due insieme rendono bene innanzitutto per le loro voci che comunque contrapposte secondo me sono una meraviglia, per quella vocettina dolce che ha Michael e quella completamente diversa che invece ha Paul; poi insieme funionano anche perché ascoltandoli è inevitabile percepire il loro grande talento ed anche la passione che mettono in ciò che fanno. Ho voluto iniziare a parlare di questa canzone riferendomi ai due artisti, perché posso dire che loro sono il primo punto forte di questa. La parte più bella della canzone, secondo me carinissima, è quella parlata fra i due cantanti, che mi fa sempre sorridere ovviamente in senso positivo e qui arriviamo all'altro punto: il testo e l'interpretazione. Questa contesa fra i due è veramente interessante e resa benissimo, da entrambi. E ultimo, ma non per importanza, la musica della canzone, mi piace molto ed è originale anche se meno rispetto ad altre. Il mio voto è 4.5/5 quindi 4 stelle e mezzo su 5.
Thriller: ★★★★★♫ Penso sia la canzone più difficile da recensire per me, finora, per cui devo correre ai ripari e fare una cosa schematica, partendo da un presupposto: per me questa è la canzone più bella di tutta la musica Pop ed una delle più belle di tutta la musica in generale, vi spiegherò comunque nei dettagli perché questa canzone merita 5 stelle + la nota musicale che, chi mi segue lo sa, aggiungo al voto massimo per indicare che la canzone presenta qualcosa di più.
- La musica: Una delle caratteristiche più belle per me nella musica è l'originalità, è per questo che come cantante preferito ho "scelto" niente poco di meno che Michael Jackson e che come album proprio Thriller. Penso che il manifesto musicale del Re sia questa canzone soprattutto se parliamo di musica. Il ritmo è originalissimo, particolare, unico, tutto ciò che è venuto dopo si mostra come un parassita di fronte a capolavori come questo. Ballare questo brano è piacevole per chiunque, anche per un imbranato totale in quest'ambito, perché veramente colpisce e trascina senza mai essere banale.
- Il testo e il significato: L'originalità di questa canzone sta anche e soprattutto nel testo e nel significato. Personalmente adoro le cose macabre, ma prima ancora di adorarle amavo questa canzone, perché? Semplice. Questa canzone non fa paura, affatto, anzi, è un messaggio bellissimo, io l'ho sempre vissuta come un ironico inno alla paura, come un'unica (ripeterò questa parola non so quante volte in questa recensione) composizione ed un miscuglio di gioia, paura, terrore che si contrappongono creando qualcosa di terribilmente bello e splendidamente terrificante. So che non dovrei usare questo termine perché è improprio riferito a una canzone, ma potrei definirla come 'simpatica'. Lo so, è assurdo, prima ho parlato seriamente di originalità, ecc. ed ora me ne esco con questo attributo semplice, ma è questo il punto forte della canzone: è impegnata, senza esserlo. E' originalità e passione, divertimento e spensieratezza, terrore e gioia, è tutto, è unica, è magnifica. E, mi permetto di dirlo, è esattamente come l'artista che la canta, non solo per le caratteristiche di cui ho precedentemente parlato, ma anche perché è qualcosa che nessuno potrà mai ricreare e che nessuno potrà mai far morire o spezzare.
- Cortometraggio: Chi "conosce" bene Michael Jackson sa che gli viene riconosciuto il merito di essere andato oltre il semplice video ufficiale della canzone, ma di aver creato dei veri e propri mini-film intorno alle canzoni stesse, come succede in tutti i suoi singoli. Ebbene, la storia che ruota attorno a Thriller è fondamentale per il punto precedente e va assolutamente messo in risalto il fatto che sia originalissimo anch'esso, straordinario e che ormai abbia fatto la storia della musica.
Beat it: ★★★★★ Troppe canzoni belle insieme, fatemi respirare! Scherzi a parte anche se non è uno scherzo ma la verità, adoro questo brano. Non solo perché dà all'album quel tocco rock di cui aveva bisogno (cosa che dimostra ancora una volta la grande apertura e varietà dell'artista), ma perché anche se presa singolarmente colpisce non dico quanto Thriller, ma quasi. Il ritmo è originalissimo, la musica mi piace tantissimo, anche il testo e il significato mi hanno sempre colpito. Il messaggio di questa canzone è positivo, dà grande coraggio ed unita al cortometraggio rende ancora di più. Il pezzo forte e la mia parte preferita è senza dubbio l'assolo, eseguito da niente poco di meno che Eddie van Halen! Si sa che questi non si fece pagare per questo lavoro, ma fossi stata io gli avrei dato non so quanti soldi per il capolavoo che è riuscito a creare, uno dei miei assolo preferiti.
Billie Jean: ★★★★★♫ "Oh, la canzone del moonwalk!", quante volte ho sentito questa frase! Eppure io sono qui per dire che questa canzone è molto di più che solo un passo, ma è, insieme con Thriller, un altro manifesto della grande originalità di Michael Jackson. Essa si nota soprattutto nel ritmo, in cui batteria e basso hanno un ruolo fondamentale, ascoltare questa canzone rimanendo fermi è una delle cose più difficili del mondo. La voce di Michael in questo brano mi ha sempre colpito, soprattutto all'inizio, perché in Billie Jean si evince ancora di più l'unicità del suo timbro. Per quanto riguarda il testo, avevo già detto nella recensione di un album di Cocciante che amo le canzoni che raccontano bene una storia, quindi non può non piacermi, perché comunque è molto originale (tanto che un ragazzetto ha scopiazzato questa storia per una sua canzone, ma lasciamo perdeeere). Ah e per la cronaca, Billie Jean è una donna!
Human Nature: ★★★★☆ Quando ho ascoltato questa canzone la prima volta, la cosa che mi ha colpito è stata soprattutto la musica, anche perché non avevo letto il testo quindi non sapevo bene di cosa parlasse. Solo che, all'inizio, mi sembrava veramente ripetitiva, con il tempo questa mia opinione è cambiata. Tralasciando il fatto che nei suoi live Michael aveva saputo renderla ancora più originale, ma a prescindere da tutto è una bellissima canzone proprio per la musica particolare che ha ed anche per il testo che mi piace moltissimo. In particolare adoro la frase If this town is just an apple, then let me take a bite. Mi mette molta gioia e mi dà una sensazione di ottimismo e di voglia di essere me stessa, tutti messaggi che oltre dal testo paradossalmente mi vengono dati anche dalla musica ed io dico sempre che quando in una qualsiasi canzone anche la musica da sola parla, significa che abbiamo di fronte un vero e proprio capolavoro.
P.Y.T. (Pretty Young Thing): ★★★★★ Mi piace moltissimo questa canzone fin dalla parte parlata iniziale. Il ritmo è originale come sempre, la musica secondo me è magnifica, in particolare grazie al basso che in Michael Jackson è sempre fondamentale e particolare (tanto che mi ha fatto amare questo strumento), anche il testo pur essendo molto semplice ha una sua particolarità e riesce bene. Mi ha colpito molto anche la parte strumentale, in cui basso e chitarra sono davvero fantastici.
The Lady In My Life: ★★★★☆ Essendo una ragazza non può non colpirmi il testo molto romantico e le parole seducenti di questa bellissima canzone, in cui la voce di Michael Jackson, soprattutto all'inizio, si fa molto più dolce. Il punto di forza è più che altro la musica, soprattutto in determinati punti come verso la fine, nella parte strumentale. Non può essere paragonata ad altri capolavori, ma è comunque un ottimo brano.
Thriller (album): ★★★★★♫ Penso che per quest'album possa valere lo stesso discorso che ho fatto per il singolo da cui prende il nome. Io amo la completezza e la cerco sempre in ogni cosa, nelle amicizie, nella letteratura ed anche nella musica, questo album non è completo, è la completezza fatta a CD. La musica è originalissima, il ritmo sempre più particolare, che non si limita ad una semplice canzone piacevole da ballare, ma a dei veri e propri capolavori. I testi tutti presentano una loro unicità, qualcosa che va ben oltre il semplice esprimere qualcosa ed anche oltre l'esprimerlo bene, qualcosa che sa di magico, per quanto è eccezionale. La voce di Michael Jackson per me è una delle più belle di tutto il panorama musicale e la sua straordinaria capacità compositiva si vede in quest'album in canzoni come Thriller, Beat it e Billie Jean (anche se non sono le uniche composte da lui, ci terrei a specificarlo), senza ovviamente mettere da parte le magnifiche coreografiche che, trattandosi di una recensione che si concentra sul lato prettamente musicale e non su quello della danza, non ho dovuto recensire. Concludo dicendo che quest'album è una delle tante ragioni per cui prima mi sono sentita in dovere di aggiungere l'aggettivo "fisica" alla parola "scomparsa" riguardo alla morte di Michael Jackson. Che continui a riposare in pace ed a vivere grazie a capolavori come questo!

Thriller by Michael Jackson, reviewed by Silvia Argento ©

Commenti